RUSSIA: Non è il nostro zar. Violati i diritti umani alle proteste anti-Putin

Le proteste anti-Putin “Non è il nostro zar” tenutesi sabato 5 maggio in 27 città russe hanno provocato numerosi arresti e violenze a discapito dei manifestanti, i cui diritti umani sono stati (nuovamente) violati dal governo di Vladimir Putin.

Organizzate dai sostenitori dell’oppositore del capo del Cremlino, l’ormai noto Aleksej Naval’nyj, le manifestazioni sono state programmate appositamente a due giorni dall’inaugurazione ufficiale del “nuovo” presidente, che si terrà lunedì 7 maggio. Un presidente che non è stato scelto e che non vuole essere riconosciuto come uno zar da una parte del popolo russo, la quale chiede oggi giustizia e rispetto.

Secondo i dati dell’organizzazione non-governativa OVD-Info, durante i cortei pacifici che proponevano gli slogan “Non è il nostro zar” e “Noi non l’abbiamo votato”, sono state arrestate più di 1500 persone, di cui 704 a Mosca e 229 a San Pietroburgo. Oltre all’ennesimo arresto dello stesso Aleksej Naval’nyj, accusato di aver “coordinato un evento pubblico non autorizzato”, OVD-Info rende noto che nella capitale sono stati fermati e picchiati diversi giornalisti, tra cui Oksana Gandzjuk del canale televisivo Dožd’, Il’ia Gorškov e Aleksandr Antjufeev della testata Daily Storm e il fotoreporter Michail Grebenščikov di Novaja Gazeta. L’organizzazione, che sta seguendo gli sviluppi della protesta aggiornando l’elenco completo e fornendo informazioni dettagliate sugli arrestati, ha constatato che il numero degli arresti è eguagliabile a quello delle manifestazioni contro la corruzione del 26 marzo 2017 e di piazza Bolotnaja del 2011-2012. Tuttavia, la violenza usata contro i manifestanti sembra essersi intensificata.

Gli arresti sono stati infatti accompagnati da scontri ultra-violenti con le unità speciali dell’OMON, che non hanno esitato a tirar fuori i loro manganelli, facendo uso addirittura di scosse elettriche. Le forze di polizia, inoltre, sono state aiutate dai membri del movimento politico russo ultra-conservatore NOD (Nacional’no-osvoboditel’noe dviženie) di Evgenij Fëdorov, i quali si sono presentati tra i manifestanti con divise e cappelli da cosacchi e il nastro di San Giorgio, loro simbolo identificativo.

Gli attivisti per i diritti umani, grazie anche al sostegno di diversi media nazionali e internazionali, hanno denunciato, ancora una volta, l’estrema violenza della polizia, nonché evocato il rischio che contro alcuni degli arrestati vengano avviati dei procedimenti penali simili a quelli del caso “Bolotnaja”.

Pochi giorni dopo la giornata mondiale per la libertà di stampa, ci risiamo: la Russia di Putin continua ad essere un pericolo per la libertà di espressione e associazione. “La detenzione dei giornalisti minaccia anche la libertà di stampa” ha dichiarato la portavoce di Federica Mogherini. Nonostante la protesta “Non è il nostro zar” non sia stata autorizzata ufficialmente, gli arresti e la brutalità manifestata dalle autorità russe non sono giustificabili, né tanto meno perdonabili. L’UE si aspetta che la Russia rispetti gli impegni internazionali concordati e rilasci immediatamente manifestanti e giornalisti.

Chi è Claudia Bettiol

Claudia Bettiol
Laureatasi in Traduzione e Mediazione Culturale a Udine con una tesi sulla diatriba tra slavofili e occidentalisti, e grande appassionnata di architettura sovietica, per East Journal si occupa dell'area russofona. Le sue esperienze oltreconfine finiscono sempre per essere rivolte verso Est, forse perché nata nel 1986 e lo stesso giorno di Michail Gorbačëv. Dopo un anno di studio alla pari nella città di Astrakhan, un Erasmus a Tartu e un volontariato a Sumy, ha lasciato definitivamente Italia e Francia per Kiev, dove attualmente abita e lavora.

Leggi anche

RUSSIA: Continuano le persecuzioni contro i Testimoni di Geova

Le autorità russe hanno comunicato l'arresto di cinque Testimoni di Geova - un'azione che si inserisce nel quadro di continue persecuzione ai danni del gruppo religioso.

Un commento

  1. L’Europa vorrebbe vedere la Federazione Russa ridotta come se stessa e cioé indebitata a suon di prestiti ebraici dell’FMI alias Diritti Umani. Ancora dubbi?

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com