Prima pagina / BALCANI / Bosnia Erzegovina / INTERVISTA: Lorenzo Mazzoni, sul treno tra Sarajevo e Belgrado

INTERVISTA: Lorenzo Mazzoni, sul treno tra Sarajevo e Belgrado

di Filip Stefanović

Lorenzo Mazzoni, ferrarese, classe 1974, è scrittore e viaggiatore. Ha abitato – come scrive sul suo blog – a Londra, Parigi, Sana’a e Hurghada, e vagabondato, oltre che in Europa, in Marocco, Egitto, Turchia, Kurdistan, Yemen, Laos e Vietnam. Oltre alla collaborazione con “il reporter” è prolifico autore di numerosi racconti e romanzi, accolti positivamente sia da critica che pubblico, oltre che in fase di traduzione in più lingue. Di recente Mazzoni ha trascorso un breve periodo nei Balcani, dov’era già stato nel 2009, per la stesura in Romania del suo romanzo fotografico a quattro mani, con Marco Belli, dal titolo Porno Bloc, un giallo che parla della Bucarest di oggi. Questa volta ha fatto la spola tra Belgrado e Sarajevo, l’abbiamo intervistato al suo rientro. Le foto del viaggio sono opera di Federica Maietti.

1) Lorenzo, sei una persona che ha viaggiato molto. Questa volta cosa ti ha spinto proprio verso i Balcani, e più precisamente in Serbia e Bosnia? Ci dici, in ordine, le tappe del tuo viaggio e i mezzi usati per spostarti?

A portarmi verso i Balcani è stata, soprattutto, la curiosità e la voglia di nuove suggestioni. Un bisogno “storico”. Sono partito da Roma con Federica, la mia compagna, con un volo per Belgrado. Siamo stati nella capitale serba per poi prendere un treno per Sarajevo. Dopo un soggiorno nella capitale bosniaca abbiamo fatto il viaggio inverso. Le due città distano circa duecento chilometri, la vecchia Šargan 8, la ferrovia a vapore a scartamento ridotto che un tempo collegava direttamente Belgrado, Sarajevo e Dubrovnik è stata chiusa nel 1974, perciò per spostarci in treno siamo dovuti salire a nord, entrare in Croazia, uscire dopo poche ore dalla Croazia per entrare nella Republika Srpska, poi nella Federazione di Bosnia-Erzegovina fino a Sarajevo. Il convoglio è composto da tre vagoni, ferma in ogni località che incontra sul suo cammino (Stara Pazova, Ruma, Sid, Vinkovci, Doboj, Vranduk…), ogni doganiere pone il suo timbro sul passaporto, non ci sono turisti, si avanza con un ritmo d’altri tempi.

Belgrado (1)

2) Negli ultimi mesi i temi della guerra e dei crimini commessi in ex Jugoslavia sono tornati alla ribalta in seguito agli arresti di Mladić e poi Hadžić. Tu con quali intenzioni sei partito? Cosa ti aspettavi di trovare, o almeno cercare in quei luoghi, a quindici anni di distanza?

Principalmente sono partito per trovare suggestioni. A Belgrado mi aspettavo uno scenario metropolitano simile a quello visto a Bucarest o a Sofia (per fare qulche esempio di grosse città dell’est che ho visitato), ma non è così, anche l’architettura del periodo socialista mostra evidenti differenze con quella costruita in Romania o Bulgaria. Pensavo di trovare una metropoli chiusa e più identitaria, invece è la capitale mondiale della vita notturna. Pensavo di trovare tracce dei bombardamenti della NATO e le ho trovate, negli edifici colpiti e semidistrutti vicino alla stazione, e mettono i brividi. A Sarajevo, invece, ero convinto di trovare turismo di massa e una folta presenza militare, invece l’ho trovata una città vivibile, con un turismo discreto e la mancanza di soldati. Mi aspettavo di vedere tracce dell’assedio, e quelle ci sono. Nelle pareti degli edifici non ancora ristrutturati, nelle targhe commemorative dei morti al mercato Markale, al museo di Storia, nei cimiteri che si inerpicano verso Vratnik. Ovunque, se stai attento trovi, purtroppo, segni di quel lungo assedio.

Belgrado (3)

3) In occidente, e molto in Italia, si ha una visione stereotipata di quei luoghi, che quando non negativamente pregiudizievole tende a essere ricondotta a un certo, iconico, folklore gitano, o caotico, scompaginato, allegro barbarismo, potremmo dire, con bande di trombettisti, fiumi di grappa e altre scene alla Kusturica. È stata anche la tua sensazione o no? Cosa ti ha colpito particolarmente?

No, non è stata la mia sensazione. Se escludi una fermata alla stazione di un improbabile paesello fra Sarajevo e il nulla, dove oltre a un bambino e a un capo stazione annoiato non c’era nulla e dove nell’ufficio troneggiava ancora il busto di Tito, non ho avuto molte visioni alla Kusturica. Forse nei paesaggi della Bosnia. Al giorno d’oggi credo che la globalizzazione inghiotta tutti. A Belgrado mi sembra lo stia facendo in modo abbastanza stereotipato e caotico, a Sarajevo in modo molto discreto. E’ quello che mi ha colpito di più: la discrezione e la cordialità degli abitanti della capitale bosniaca.

Sarajevo (1)
4) Hai visitato in sequenza Belgrado e Sarajevo, entrambe, per quanto la prima non sia stata direttamente toccata dal conflitto, città emblematiche del processo di dissoluzione della Jugoslavia. Se dovessi metterle a paragone, quali somiglianze e quali differenze ti vengono in mente?

Somiglianze non molte. Differenze moltissime: geograficamente non potrebbero essere più distanti. Lo sviluppo urbanistico di Belgrado è quello di una metropoli, quello di Sarajevo di una città grande, ma che non può svilupparsi oltre le montagne che la schiacciano. A Belgrado si fa molta fatica a trovare volumi interessanti sul conflitto, ma è pieno di volumi sulla storia e l’identità serba, a Sarajevo le librerie sono piene di saggi di storici, non necessariamente di parte, che affrontano i temi della guerra nella ex Jugoslavia. Un tipo di Jugoslavia “titina” è molto più riconoscibile a Sarajevo, a Belgrado vanno per la maggiore le spille delle Tigri di Arkan e le sciarpe della Stella Rossa. Sarajevo alla notte dorme, Belgrado esplode di mille colori, di feste, concerti, balli. A Sarajevo i concerti si fanno alla sera, a Belgrado la sera si cammina sulle vie alla moda del centro. Nel centro di Sarajevo c’è una moschea, a Belgrado la moschea l’hanno saccheggiata nel marzo del 2004 come rappresaglia contro i pogrom serbi in Kosovo.

Sarajevo (2)
5) Hai avuto modo di parlare con persone del luogo, sia in Bosnia che Serbia? Come le hai trovate? Hanno elaborato i lutti del passato recente oppure argomenti quali la guerra sono ancora difficili da trattare apertamente?

Penso che la dissoluzione della Jugoslavia e la guerra che ne è scaturita sia dentro ogni abitante di quelle terre. Il lutto ha toccato tutti. La gente non parla dei bombardamenti della NATO, non parla dei cecchini cetnici che sparavano sulla folla inerme. Rimane tutto dentro. Quello che è successo lo vedi: sui muri, sui libri, nelle spillette dei gruppi paramilitari, nei bossoli di fucile usati come portapenne, sulle prime pagine dei giornali che mostrano le facce di Mladić e di Hadžić.

Sarajevo

6) Ricapitolando questa tua ultima esperienza, cosa pensi ti abbia lasciato? Come scrittore, hai trovato spunti interessanti da elaborare? Hai già in mente qualcosa?

Come ho detto sono partito perché volevo nuove suggestioni. Da una lato per la mia attività di reporter e di storico ho pensato che fosse interessante visitare Belgrado subito dopo l’arresto di Mladić. Dall’altro, quello del romanziere, sono diversi anni che sto cercando di scrivere una storia che passi attraverso l’assedio di Sarajevo per finire in Kosovo. È stato un viaggio bello e utile, pieno di spunti, di fantasie e di dettagli importanti.

Sarajevo
7) Quali sono i tuoi progetti futuri, ci vuoi dare qualche anticipazione?

A fine estate uscirà l’edizione per il mercato tedesco, austriaco e svizzero del mio romanzo Un tango per Victor, verrà edito dall’editore berlinese Chichili Agency. A inizio settembre usciranno per l’editore statunitense LA Case una mia raccolta di racconti (Cartoline dal mondo dei balocchi) e una raccolta dei miei reportage usciti sul quotidiano il reporter, dal titolo Focus Viator, fifteen safety matches. Per novembre invece è prevista la ristampa, in un unico volume, della trilogia noir che vede protagonista l’ispettore Malatesta. Uscirà con Momentum Edizioni, sarà illustrata da Andrea Amaducci e si intitolerà Malatesta, indagini di uno sbirro anarchico.

Sarajevo

Chi è Filip Stefanović

Filip Stefanović (1988) è un giovane economista italiano, nato a Belgrado si è formato presso l’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano e la Berlin School of Economics, specializzandosi in economia internazionale. Ha lavorato al centro di ricerche economiche Nomisma di Bologna e come research analyst presso il centro per gli studi industriali CSIL di Milano. Per East Journal scrive di economia e politica dei Balcani occidentali.

6 commenti

  1. Onorati di collaborare con un grande autore. Lorenzo saprà affascinare di certo anche i lettori tedesci.

  2. VERAMENTE BELLA

  3. un viaggio ai centri senza la periferia arcaica. senza conoscere la diaspore . ti limiti nei giudizi. vai conoscere la vera serbia nei meandri arcaici de villaggi. da dove vegono i muratori che lavorano a trieste. da dove sono nati i criminali. che non sono belgradesi. la visione che ai dato e monca. romantica e fuorviante quindi. se cercavi gli unni ai sbagliato. dovevi cercare i nazionalismi sopiti e nascosti.

    • Gentile Mauricets, grazie del consiglio, la prossima volta andrò “nei meandri arcaici”. Come ho spiegato nell’intervista sono andato per cercare suggestioni a Sarajevo e Belgrado. Non ho mai parlato di luoghi di appartenenza di nessun criminale. Quello che ho visto l’ho raccontato, senza permettermi nessun giudizio di valore sull’intera nazione serba.

      Lorenzo Mazzoni

      • purtroppo il meglio della nazione, ed è tanto, ha dovuto subire l’egemonia di una minoranza. la speranza è che ora la parte migliore abbia modo di esprimersi. vedendo il lato arcaico se ne potrebbe apprezzare ancor di più il desiderio di libertà. a trieste si puo notare questa differenza, in particolar modo quando non si mischiano le due anime. perchè quando fanno gruppo lo spirito di appartenenza contagia tutto. appiattendo le posizioni. ovviamente al ribasso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>