Kazimierz Nowak: l’Africa in bicicletta

di Lorenzo BerardiPoloniCult

“Questa è un’opera davvero eccezionale. Il suo contenuto e la personalità del proprio autore la rendono avvincente. E in quanto tale dovrebbe ottenere maggiore attenzione e un più ampio riconoscimento (…) Spero davvero che trovi il suo posto fra i grandi classici del reportage polacco”.

L’approvazione di Ryszard Kapuściński in copertina è un bel biglietto da visita per un libro, per quanto talvolta abusato. Non però in questo caso. ‘Rowerem i pieszo przez Czarny Ląd‘ (In bicicletta e a piedi attraverso il Continente Nero) di Kazimierz Nowak è davvero uno di quei libri che restano impressi. Un’opera e un autore che potrebbero dire poco al lettore italiano, e forse anche a quello polacco, ma per i quali un processo di riscoperta internazionale sembra essere in corso. La dimostrazione sta nella splendida edizione inglese del libro, intitolata ‘Across the Dark Continent‘ e tradotta da Ida Naruscewicz-Rodger. L’opera è stata pubblicata dall’editore polacco Sorus con il patrocinio della Fundacja im Kazimierza Nowaka a fine 2017, a diciassette anni dall’uscita dell’edizione originaria. E il sito ufficiale dedicato a Kazimierz Nowak è una miniera di informazioni in sei lingue: polacco, inglese, tedesco, francese, arabo e italiano.

I fatti dicono che Kazimierz Nowak attraversa l’Africa con la sua fedele bicicletta, già compagna di escursioni a pedali europee, fra il novembre del ’31 e il novembre del ’36 percorrendo un totale di quarantamila chilometri. Imbarcatosi a Napoli e approdato in Libia – allora colonia italiana – arriva a Capo di Buona Speranza in Sudafrica due anni e mezzo dopo. Qui l’avventuroso polacco rifiuta un biglietto aereo offertogli per rientrare in Europa e decide di compiere il percorso inverso sud-nord seguendo un nuovo itinerario: arriverà ad Algeri trenta mesi dopo.

[…]

Continua a leggere su PoloniCult.

Chi è PoloniCult

PoloniCult
PoloniCult, da più di tre anni ormai, è una presenza tenace e attenta nel raccontare gli stimoli culturali che offre la Polonia di oggi, come quella di ieri. Diamo voce ai libri polacchi tradotti in italiano e suggeriamo quelli che dovrebbero; presentiamo i film polacchi distribuiti in Italia e quelli che potrebbero; raccontiamo artisti la cui musica merita di uscire dai club e dalle piazze delle sole città polacche. Non da ultimo, raccontiamo storie di Polonia vera, di quella che vive la modernità con le sue contraddizioni, che si riconosce in riti e personaggi di ogni sorta. Parliamo con scrittori, registi, poeti, musicisti; ci guardiamo attorno in quella terra varia che è l’Europa centro-orientale. Lo facciamo con passione e professionalità perché è in questi valori che ci riconosciamo e con i quali ci riconosce chi ha lavorato con noi.

Leggi anche

POLONIA: I collaborazionisti con il nazismo equiparati ai partigiani

Il premier polacco ha reso omaggio ai polacchi che collaborarono con il nazismo durante la Seconda guerra mondiale. Perché?

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com