Kazimierz Nowak: l’Africa in bicicletta

di Lorenzo BerardiPoloniCult

“Questa è un’opera davvero eccezionale. Il suo contenuto e la personalità del proprio autore la rendono avvincente. E in quanto tale dovrebbe ottenere maggiore attenzione e un più ampio riconoscimento (…) Spero davvero che trovi il suo posto fra i grandi classici del reportage polacco”.

L’approvazione di Ryszard Kapuściński in copertina è un bel biglietto da visita per un libro, per quanto talvolta abusato. Non però in questo caso. ‘Rowerem i pieszo przez Czarny Ląd‘ (In bicicletta e a piedi attraverso il Continente Nero) di Kazimierz Nowak è davvero uno di quei libri che restano impressi. Un’opera e un autore che potrebbero dire poco al lettore italiano, e forse anche a quello polacco, ma per i quali un processo di riscoperta internazionale sembra essere in corso. La dimostrazione sta nella splendida edizione inglese del libro, intitolata ‘Across the Dark Continent‘ e tradotta da Ida Naruscewicz-Rodger. L’opera è stata pubblicata dall’editore polacco Sorus con il patrocinio della Fundacja im Kazimierza Nowaka a fine 2017, a diciassette anni dall’uscita dell’edizione originaria. E il sito ufficiale dedicato a Kazimierz Nowak è una miniera di informazioni in sei lingue: polacco, inglese, tedesco, francese, arabo e italiano.

I fatti dicono che Kazimierz Nowak attraversa l’Africa con la sua fedele bicicletta, già compagna di escursioni a pedali europee, fra il novembre del ’31 e il novembre del ’36 percorrendo un totale di quarantamila chilometri. Imbarcatosi a Napoli e approdato in Libia – allora colonia italiana – arriva a Capo di Buona Speranza in Sudafrica due anni e mezzo dopo. Qui l’avventuroso polacco rifiuta un biglietto aereo offertogli per rientrare in Europa e decide di compiere il percorso inverso sud-nord seguendo un nuovo itinerario: arriverà ad Algeri trenta mesi dopo.

[…]

Continua a leggere su PoloniCult.

Chi è PoloniCult

PoloniCult
PoloniCult, da più di tre anni ormai, è una presenza tenace e attenta nel raccontare gli stimoli culturali che offre la Polonia di oggi, come quella di ieri. Diamo voce ai libri polacchi tradotti in italiano e suggeriamo quelli che dovrebbero; presentiamo i film polacchi distribuiti in Italia e quelli che potrebbero; raccontiamo artisti la cui musica merita di uscire dai club e dalle piazze delle sole città polacche. Non da ultimo, raccontiamo storie di Polonia vera, di quella che vive la modernità con le sue contraddizioni, che si riconosce in riti e personaggi di ogni sorta. Parliamo con scrittori, registi, poeti, musicisti; ci guardiamo attorno in quella terra varia che è l’Europa centro-orientale. Lo facciamo con passione e professionalità perché è in questi valori che ci riconosciamo e con i quali ci riconosce chi ha lavorato con noi.

Leggi anche

STORIA: Franceska Mann, la ballerina ebrea che sparò alle SS

Nell'autunno del 1943, una giovane ballerina ebrea decise di non piegarsi alla follia nazista e ferì a morte un ufficiale delle SS. Un atto di coraggio e disperazione rimasto a cavallo tra storia e leggenda.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com