Prima pagina / BALCANI / Serbia / SERBIA: Boris Tadić, la faccia (poco) filoeuropea di un paese in affanno

Chi è Filip Stefanović

Author Image
Filip Stefanović (1988) è un giovane economista italiano, nato a Belgrado si è formato presso l’Università commerciale Luigi Bocconi di Milano e la Berlin School of Economics, specializzandosi in economia internazionale. Ha lavorato al centro di ricerche economiche Nomisma di Bologna e come research analyst presso il centro per gli studi industriali CSIL di Milano. Per East Journal scrive di economia e politica dei Balcani occidentali.

Leggi anche

Parlamento

SERBIA: Il 5 ottobre 2000, tra rivoluzione e gattopardismo

La fine del regime di Slobodan Milosevic viene spesso caratterizzata come il prototipo delle rivoluzioni colorate. Ma è legittimo ricondurre quanto avvenne a Belgrado esclusivamente agli intrighi delle potenze straniere?

3 commenti

  1. posso confermare, da trieste, che il nazionalismo è piu vivo che mai nella comunita serba. l’integrazione è sempre di facciata. nella realta la comunita è chiusa, sempre in affannosa ricerca di affari, leciti o borederline i cui benefici devono rimanere il piu possibile ad appannaggio di una stretta cerchia. molto denaro viene spedito nella madrepatria. si sfrutta al massimo il nostro stato sociale e si eludono il piu possibili gli obblighi fiscali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *