La Polonia sulle felpe – patriottismo e dove trovarlo

di Mara GiacalonePoloniCult

«Io andrò perché c’è una buona atmosfera. Li ho la sensazione che la Polonia è forte. Non mi disturba il fatto che durante la marcia <si vada giù duro>, perché abbiamo una storia che dobbiamo mostrare: forti, compatti. Le abbiamo sempre prese dai vicini. E se nulla cambierà, continueremo a prenderle. In questo momento, Francia e Russia non ci rispettano. Dobbiamo dimostrare che non è possibile prendersi gioco di noi come cento anni fa».

Lunedì 6 novembre su Duży Format, inserto dei reportage di Gazeta Wyborcza, è apparso un articolo-intervista che vedeva protagonisti dei liceali e indagava il loro rapporto con il patriottismo e con la Polonia. Un pezzo degno di nota, in cui l’autrice scompare completamente dietro le voci di questi giovani studenti che sembrano avere le idee ben chiare su certe tematiche e che, soprattutto, non hanno paura di esprimerle a voce alta. La citazione con cui ho voluto iniziare è tratta proprio dall’articolo e quell’ io andrò si riferisce alla Marsz Niepodległości che si terrà l’undici novembre. Ora, perché la giornalista ha sentito il bisogno di intrufolarsi in un liceo varsaviano per capire cosa pensino i giovani di oggi riguardo al clima che c’è nel paese? Una delle possibili risposte, è perché siamo vicinissimi al giorno dell’indipendenza, ma non credo che le motivazioni si esauriscano qui. Credo piuttosto che si tratti di cercare di dare spazio a quello che sta succedendo in tutto il paese da un’angolatura diversa, andando a chiamare in causa chi di norma non viene interpellato “perché troppo piccolo e/o immaturo”. Stiamo infatti assistendo ad un’ondata di patriottismo particolarmente forte e violenta che vede come principali protagonisti i giovani, i quali si stanno muovendo e mobilitando in massa seguendo il fenomeno tramite i social e anche mettendoci la faccia, partecipando attivamente e numerosamente a diverse iniziative e comprando, indossando e sfoggiando vestiti patriottici.

Il fenomeno dell’abbigliamento patriottico è relativamente recente se consideriamo che una delle marche più note ha iniziato solo due-tre anni fa. Questo dato però si scontra con la realtà dei fatti che mostrano come fin da subito tale iniziativa abbia riscontrato un incredibile successo tra i giovani – ma non solo – che trovano in questo tipo di abbigliamento un modo di esprimere le proprie idee politiche e la loro idea di Polonia oltre che di patriottismo. Non ci sarebbe nulla di male nell’indossare un’innocente t-shirt blu con una piccola aquila o con una piccola bandiera biancorossa se questa scelta non fosse presa come dimostrazione di appartenenza politica e di una retorica nazionalista che si va sempre più espandendo in tutto il paese. Il punto di partenza o il nocciolo della questione, se volete, è proprio questo, che tali indumenti, non sono semplici vestiti, ma si presentano come simboli di una determinata ideologia e di un determinato discorso nazionale e – purtroppo – nazionalistico. Esso si presenta infatti come un discorso identitario veicolato tramite un mezzo – i vestiti – di prima necessità e che acquista determinati valori simbolici per chi li indossa e per chi li vede indossati: il messaggio trasmesso è un forte sentimento patriottico e di appartenenza ad un preciso e circoscritto gruppo sociale. Le magliette o le felpe che rientrano in queste linee usufruiscono e si fanno portatrici di una retorica fondata su degli elementi che puntano a conquistare la massa attraverso un linguaggio stereotipato che utilizza precise immagini storiche volte a sottolineare particolari caratteri della nazione – in questo caso polacca – con lo scopo di suscitare orgoglio nazionale.

[…]

Continua a leggere su PoloniCult

Chi è PoloniCult

Author Image
PoloniCult, da più di tre anni ormai, è una presenza tenace e attenta nel raccontare gli stimoli culturali che offre la Polonia di oggi, come quella di ieri. Diamo voce ai libri polacchi tradotti in italiano e suggeriamo quelli che dovrebbero; presentiamo i film polacchi distribuiti in Italia e quelli che potrebbero; raccontiamo artisti la cui musica merita di uscire dai club e dalle piazze delle sole città polacche. Non da ultimo, raccontiamo storie di Polonia vera, di quella che vive la modernità con le sue contraddizioni, che si riconosce in riti e personaggi di ogni sorta. Parliamo con scrittori, registi, poeti, musicisti; ci guardiamo attorno in quella terra varia che è l’Europa centro-orientale. Lo facciamo con passione e professionalità perché è in questi valori che ci riconosciamo e con i quali ci riconosce chi ha lavorato con noi.

Leggi anche

Morawiecki Shoah

POLONIA: “Anche gli ebrei responsabili della Shoàh”

La polemica sulla cosiddetta "legge sulla Shoàh" voluta dal governo polacco non si placa. Il premier Morawiecki ha dichiarato che anche "gli ebrei sono responsabili della Shoah". Cosa c'è dietro?

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com