Zaduszki – tradizioni che (soprav)vivono

di Mara Giacalone

Quando si tratta di costumi e tradizioni, il nostro sguardo è proiettato verso il passato, perché quello che trasforma un semplicePoloniCult uso, in un rito o in un momento istituzionalizzato, è proprio la ripetizione di alcune azioni e quindi la tendenza a copiare e incollare nel futuro quello che “si è sempre fatto”, perché dà sicurezza, perché tale ciclicità degli eventi serve all’uomo per dare un ordine agli elementi che caratterizzano la sua vita. Se in Italia e nei paesi più alla moda, più tecnologici, più moderni si è assistito ad un lento ma inesorabile declino delle tradizioni, patrie e private, in alcuni luoghi che non sono -per vari motivi – stati investiti da quest’onda travolgente, le tradizioni, seppur mutate e ammodernate, rimangono presenti. La Polonia è uno di questi posti.

L’inizio di novembre porta con sé due celebrazioni, Wszystkich Świętych (commemorata il 1 novembre) e Zaduszki – o Dzień Duszny –  il giorno dopo. Essendo due feste del calendario cattolico, sono presenti anche in Italia, ma, mentre da noi l’accento si è spostato verso il più anglosassone Halloween, facendo precipitare nel baratro Ognissanti e il Giorno dei morti, in Polonia – almeno esteriormente, pubblicamente – i due giorni sono ancora molto sentiti e hanno una genesi che trova le sue fondamenta in epoca pre-cristiana. Sebbene la celebrazione dei morti ci riporti indietro fino all’abate benedettino Sant’Odilone di Cluny il quale propose un giorno di preghiera a loro dedicato, il mondo dei defunti e le celebrazioni dei riti funebri sono elementi da sempre presenti in tutte le culture. Per restringere il campo, in area slava e pagana, due momenti dell’anno erano fondamentali e legati alla natura, la primavera – nascita – e l’autunno – morte. Morte non solo delle piante, ma anche dei cari che se ne erano andati. Invocare perciò i defunti, era un metodo per ottenere favori e la sicurezza di nuovi raccolti in primavera. Il contatto e il dialogo con l’aldilà si otteneva tramite l’offerta di cibo – miele, kasza, uova, wodka – depositato sulle tombe e lì consumato. Elemento altrettanto importante era l’accensione del fuoco in modo da segnalare la via alle anime vaganti, simbolo che si è protratto fino ad oggi e sopravvissuto nell’usanza di portare lampka e znicz al cimitero creando atmosfere suggestive.

[…]

Continua a leggere su PoloniCult

Chi è PoloniCult

PoloniCult
PoloniCult, da più di tre anni ormai, è una presenza tenace e attenta nel raccontare gli stimoli culturali che offre la Polonia di oggi, come quella di ieri. Diamo voce ai libri polacchi tradotti in italiano e suggeriamo quelli che dovrebbero; presentiamo i film polacchi distribuiti in Italia e quelli che potrebbero; raccontiamo artisti la cui musica merita di uscire dai club e dalle piazze delle sole città polacche. Non da ultimo, raccontiamo storie di Polonia vera, di quella che vive la modernità con le sue contraddizioni, che si riconosce in riti e personaggi di ogni sorta. Parliamo con scrittori, registi, poeti, musicisti; ci guardiamo attorno in quella terra varia che è l’Europa centro-orientale. Lo facciamo con passione e professionalità perché è in questi valori che ci riconosciamo e con i quali ci riconosce chi ha lavorato con noi.

Leggi anche

POLONIA: I collaborazionisti con il nazismo equiparati ai partigiani

Il premier polacco ha reso omaggio ai polacchi che collaborarono con il nazismo durante la Seconda guerra mondiale. Perché?

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com