CALCIO: Serbia-Albania, estradizione concessa per il pilota del drone Morina

Sebbene la famosa partita del drone si sia disputata tra Serbia e Albania quasi due anni fa, la vicenda giudiziaria che ne è seguita è ancora piuttosto intricata e sembra poter mettere alla prova i fragili equilibri internazionali tra i governi coinvolti.

Come raccontammo all’epoca, durante la partita di qualificazione a Euro 2016 un drone che trasportava la bandiera della Grande Albania fece irruzione sul terreno di gioco dello stadio di Belgrado; la partita venne immediatamente sospesa a seguito degli incidenti che scoppiarono, ma le ripercussioni politiche andarono avanti per alcune settimane. Infatti il governo serbo considerava, e considera tuttora, quella bandiera una provocazione inaccettabile; posizione aggravata dalle teorie – col senno di poi infondate – che a pilotare il drone fosse il fratello del primo ministro albanese Edi Rama.

In realtà alcune ore dopo l’episodio venne a galla che dietro quel gesto vi era Ismail Morina, sedicente patriota albanese che con quel gesto intendeva rispondere alle provocazioni serbe – o provocare a sua volta, secondo il punto di vista dell’osservatore – mostrando una bandiera raffigurante la Grande Albania, territorio che idealmente comprenderebbe principalmente lo stato albanese insieme alle regione del Kosovo oltre ad alcune province di Macedonia, Serbia, Montenegro e Grecia.

Morina, che in passato aveva vissuto per lunghi periodi in Italia, fu arrestato qualche tempo dopo dalla polizia croata nella località di Dubrovnik, seguendo un mandato di cattura serbo; gli furono inoltre imputate le accuse di incitazione all’odio etnico e razziale, un reato per il quale la pena prevista può arrivare anche a otto anni.

Nonostante la detenzione in territorio straniero, la fase processuale del caso Morina è affidata alla giurisdizione di Belgrado, che si occuperà del caso non appena le autorità croate daranno il via libera all’estradizione dell’imputato e autorizzeranno il trasferimento da Dubrovnik alla capitale serba.

In una prima fase, risalente ad alcune settimane fa, sembrava improbabile che Morina potesse essere processato in Serbia dove, a detta della linea difensiva, non avrebbe avuto un processo equo a causa della sua nazionalità. La difesa di Morina, infatti, sosteneva l’impossibilità di ricevere un trattamento equo, così come previsto dalla costituzione serba, e pertanto riteneva che la corte croata avrebbe fatto meglio a impedirne il trasferimento. Questa strategia difensiva è stata tuttavia giudicata priva di fondamento dal tribunale croato competente a pronunciarsi sull’argomento e pertanto il ricorso di Morina – presentato anche di fronte alle istituzioni europee –  è stato rigettato.

Con l’estradizione di Morina dovrebbe concludersi questa prima parte processuale, tuttavia la vicenda pare ben lontana da trovare un epilogo definitivo.

Foto: Ismail Morina – Ballisti (Facebook)

Chi è Matteo Marchello

Author Image
Nato a Lecce, vive a Londra. Scrive di calcio per Trappoladelfuorigioco.it ed East Journal.

Leggi anche

Eurobasket

BASKET: Slovenia vince Eurobasket e altri temi dell’Europeo

Eurobasket 2017 si è chiuso con la vittoria della Slovenia in finale contro la Serbia. Per gli Sloveni è la prima medaglia nel basket da quando si presentano come nazione indipendente. L'atto finale ha però regalato anche una polemica sui giocatori USA che giocano per nazionali europee grazie al passaporto.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com