CINEMA: “Easy” di Andrea Magnani, prima coproduzione italo-ucraina

Abbiamo intervistato il regista, Andrea Magnani, che ci ha raccontato della scelta dell’Ucraina e delle difficoltà incontrate per questa speciale coproduzione dopo gli eventi del Maidan. Difficoltà che per poco non gli avevano fatto abbandonare l’idea di girare il film.

Dopo sette anni, Andrea Magnani, per la prima volta nei panni del regista, è riuscito a portare a termine il film che aveva nel cassetto, Easy. Un viaggio facile facile. La storia si concentra attorno al personaggio di Isidoro, detto Easy (Nicola Nocella, miglior attore esordiente nel 2010 con Il figlio più piccolo di Pupi Avati), 35 anni, ex-pilota di successo, ora depresso e dipendente da psicofarmaci. Il fratello, imprenditore a Trieste (Libero De Rienzo, che conosciamo, ad esempio, per Smetto quando voglio o Santa Maradona), ha però urgente bisogno di lui: Easy dovrà riportare in Ucraina la bara di Taras, un operaio ucraino morto nel suo cantiere. A bordo di un classico carro funebre, attraversando Slovenia e Ungheria, ha così inizio l’improbabile e tragicomico road movie a tinte western di Magnani.  Un road movie con tanto di imprevisti, come “la bara che potrebbe capitarvi di vedere ancora galleggiare se andrete sul Mar Nero”, scherzano Magnani e Nocella alla presentazione del film, a Pordenone il 30 agosto.

La grottesca pellicola che vede Easy in fedele compagnia del feretro nelle situazioni più impensabili vuole però anche essere una parabola che aiuta lo stesso protagonista ad accettare e seppellire il proprio passato per rinascere a nuova vita: come quella che stringe tra le braccia ritto su di un “podio”, mentre il film si chiude.

Il film, prima coproduzione italo-ucraina, è prodotto dall’ucraina Fresh Production, dalla Pilgrim di Trieste e dalla Bartleby Film Production, ed è distribuito dalla Tucker di Udine. “Il Friuli – ha detto Magnani – ormai mi ha adottato”.

Perché proprio l’Ucraina?

“All’inizio quella del viaggio ad est era un’idea generica” mi spiega Magnani. “Poi durante un workshop in Grecia [organizzato dal Mediterranean Film Institute, NdR] ho conosciuto due produttori ucraini, Oleg Ščerbina e Julia Černjavskaja della Fresh production, che mi hanno subito proposto di ambientare Easy in Ucraina. Così su loro invito sono partito e mi sono convinto che sarebbe stata lo scenario ideale. Inizialmente non l’avevo presa in considerazione in quanto troppo lontana, sconosciuta; ma dopo esserci stato ho capito che era il posto ideale per perdersi, che era il posto ideale dove, se ti perdi, fai poi molta fatica a ritrovarti. Il senso di smarrimento, dovuto alla lingua, all’alfabeto cirillico, all’impossibilità di comunicare è totale. Inoltre i paesaggi sconfinati erano necessari perché il film avesse le tinte western che mi immaginavo”.

Come è andata la coproduzione italo-ucraina?

“Quando ho proposto, tramite Oleg e Julia, il film all’Agenzia Ucraina per il Cinema, che era da poco stata avviata, ho ricevuto molto presto riscontri positivi. Abbiamo addirittura ricevuto i fondi ucraini prima di quelli italiani [giunti dal Ministero e dal Fondo per l’Audiovisivo della regione Friuli Venezia Giulia, NdR]. Tuttavia con lo scoppio dei disordini del Maidan l’Agenzia ucraina aveva congelato tutti i fondi e dopo due anni di attesa avevo perso le speranze. Stavo per abbandonare l’idea di girare il film; fino a quando a settembre 2015 ho ricevuto una telefonata da Oleg in cui mi diceva che i fondi erano stati sbloccati e lì abbiamo cominciato a girare”.

Il film è uscito nelle sale italiane il 31 agosto; in Ucraina l’uscita è prevista per il 14 settembre.

Qui il trailer italiano:


Qui il trailer ucraino:

Chi è Martina Napolitano

Author Image
Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste, scrive principalmente di Russia per EaST Journal. I suoi interessi spaziano dall'amata letteratura russa alle dinamiche politiche internazionali, in particolare se legate all'area russa e/o russofona. Tra le esperienze di studio e lavoro all'estero, uno stage negli USA, un Erasmus a Vilnius e una borsa di studio presso l'MGU di Mosca.

Leggi anche

chernobyl-cover

UCRAINA: Cosa resta di Chernobyl, tra lavoro e turismo estremo

A più di trent’anni dalla catastrofe nucleare che l’ha resa famosa, Chernobyl e la sua zona di esclusione sono diventate meta di turismo estremo. Ma, oltre ai turisti e ai cani di strada, c’è qualche anima viva? Fra quanti anni si potrà tornare a ripopolare questa zona?

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com