CALCIO: Il primo ministro della Slovacchia chiede indagine su Italia-Germania U-21

Nello stesso periodo in cui si svolgeva la Confederations Cup in Russia, si tenevano anche gli Europei U-21 in Polonia. In entrambe le competizioni ha prevalso la Germania. Se la nazionale maggiore non ha subito alcuna sconfitta, quella giovanile ha invece visto il proprio percorso macchiato da una singola partita in cui si è dovuta arrendere per 1-0 ai pari età dell’Italia. Quest’ultimo incontro potrebbe però non lasciare semplicemente il ricordo di una sconfitta con i rivali di sempre e tramutarsi in qualcosa di più grande. Infatti Robert Fico, primo ministro slovacco, ha richiesto alla UEFA un’indagine sul match.

L’intervento di Fico nasce dal fatto che il risultato della partita ha portato all’eliminazione della nazionale della giovanile Slovacchia. La formula del torneo prevedeva tre giorni eliminatori da quattro squadre, poi da questi le prime tre classificate e la migliore seconda si sarebbero qualificate per le semifinali. Con la fase a gironi quasi al termine, con solo le ultime due partite del girone C da giocare, la migliore seconda era proprio la Slovacchia e solo una concatenazione di risultati avrebbe potuto strapparle la semifinale. Ed è stato proprio così: la sconfitta della Germania per mano dell’Italia unita a quella della Repubblica Ceca contro la Danimarca ha cambiato completamente la fisionomia del girone C, con l’Italia prima e la Germania seconda che va a prendere il posto della Slovacchia in semifinale a causa della migliore differenza reti.

Quanto successo durante Italia-Germania non sarebbe però andato giù agli Slovacchi. La partita, decisa da un gol di Bernardeschi, è sempre rimasta in bilico, ma a circa dieci minuti dalla fine le squadre hanno diminuito fortemente il ritmo fino alla sterile melina dei tedeschi negli ultimissimi minuti. Il motivo è semplice: il risultato dell’altra partita era già acquisito – 2-4 per la Danimarca – ed entrambe le squadre erano così qualificate. Anzi, alla Germania il secondo posto era anche più gradito, poiché permetteva di evitare la Spagna in semifinale. Con un ritmo diverso forse sarebbe arrivato un altro gol, cioè quello che serviva alla Slovacchia per qualificarsi. Perché con un pareggio la Slovacchia avrebbe raggiunto la semifinale: con il pareggio avrebbe scavalcato l’Italia che si sarebbe fermata a quattro punti contro sei degli slovacchi, mentre con il 2-0 italiano sarebbe stata la Germania a perdere il posto poiché a parità di differenza reti il posto spettava alla squadra con più gol segnati (il tabellino sarebbe stato 6-3 per la Slovacchia e 5-2 per la Germania).

Sono proprio questi i fatti che hanno portato Robert Fico a fare ricorso presso la UEFA e a definire il match una farsa, paragonandolo a Germania Ovest-Austria del Mondiale 1982. Le sue parole hanno fatto seguito a quelle già spese da Pavel Hapal, allenatore della Slovacchia U-21, che aveva messo in dubbio il regolare sviluppo della partita. Dal canto loro i rappresentanti di Italia e Germania hanno respinto ogni accusa: Luigi Di Biagio, CT degli azzurrini, ha inoltre richiesto un provvedimento nei confronti di Hapal per i suoi commenti, mentre Horst Hrubesch – rappresentante dei tedeschi – ha affermato che è del tutto normale giocare con cautela negli ultimi minuti del match.

La situazione dovrebbe avere degli sviluppi nei prossimi giorni, ma difficilmente la FIFA prenderà provvedimenti. Del resto non si può parlare di match combinato visto che le squadre non potevano giocare per un risultato specifico non sapendo in anticipo come sarebbe andata l’altra partita e non ci sono gli estremi o i precedenti per agire e affermare che ci sia stato qualcosa di illecito dietro all’incontro.

Foto: Wikipedia-MGlen

Chi è Mattia Moretti

Author Image
Nato nel 1994 ad Alghero. Studente di Filosofia presso l'Università di Padova. Collabora con la Pagina Sportiva di East Journal e con il sito dedicato alla pallacanestro BasketUniverso.

Leggi anche

Djokovic Foundation EJ

TENNIS: La generosità di Djokovic, apre un ristorante per bisognosi a Belgrado

Nole Djoković non dimentica la sua Serbia: il tennista ha annunciato l'apertura di un ristorante a Belgrado dedicato ai più bisognosi.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com