POLONIA: La Pasqua secondo i polacchi

Da paese fortemente cattolico quale è, la Polonia ospita una serie di rituali, alcuni in realtà pagani, che rendono la Pasqua una delle feste più sentite dell’anno. Le celebrazioni iniziano già una settimana prima, quando per la Domenica delle Palme (Niedziela Palmowa), il giorno che ricorda l’entrata di Cristo a Gerusalemme, i fedeli portano in chiesa rami di salice decorati con fiori, nastri e piume, alcuni alti anche 30 metri.

La Settimana Santa

I giorni precedenti la domenica di Pasqua (Wielkanoc) sono pieni di attività commemorative: il venerdì le chiese rimangono aperte al pubblico per vegliare sulla tomba di Cristo e vengono allestiti altari simili ai sepolcri siciliani; il sabato vengono dipinte e decorate le uova sode, le famose pisanki, una tradizione pagana affine anche ad altre culture slave, e si prepara la święconka, il cestino che tutte le famiglie riempiono di vivande e che verrà benedetto dal prete in chiesa; la domenica, invece, segna il trionfo del cibo con una colazione dove la carne la fa da padrone prima di gustare piatti tipici come il żur, zuppa a base di farina di segale e uova, e squisite ed elaborate torte: mazurek, una torta a base di marmellata, baranek, una torta a forma di agnello, la babka, un’alta ciambella spugnosa, e il sernik, una cheese-cake.

Lo Śmigus-Dyngus, il lunedì bagnato

Ma il vero divertimento inizia il lunedì, il giorno dello Śmigus-Dyngus, noto anche come lany poniediałek, il lunedì bagnato, una piacevole e giocosa pausa da Chiesa e famiglia. Secondo la tradizione questo è il giorno in cui ai ragazzi è permesso lanciare secchiate d’acqua alle ragazze e colpirle bonariamente con rametti di salice. Le donne dovranno aspettare il giorno seguente per un contrattacco. Tuttavia oggi il Lunedì bagnato è l’occasione buona per tendere una trappola a grandi e piccini, ragazzi e ragazze usando qualsiasi mezzo ad acqua: dalle pistole alle bottiglie, dai palloncini alle borse di plastica.

Le origini dello Śmigus-Dyngus

Se le origini di questa tradizione così come l’etimologia sono incerte, tutti concordano nel suo valore simbolico: celebrare la primavera e la fertilità. Un rito che accomuna i paesi vicini, Repubblica Ceca, Slovacchia, e Ungheria, e che suggerirebbe quindi una radice collettiva risalente ai riti pagani degli Slavi occidentali. Il nome Śmigus-Dyngus è una combinazione di due differenti tradizioni pagane: Śmigus si riferisce alla battaglia d’acqua in sé, mentre Dyngus alle uova offerte dalle donne per scampare alla minaccia dei gavettoni.

Al lunedì bagnato è stata comunque data un’interpretazione religiosa associata al battesimo di Mieszko I, primo re Cristiano della Polonia, avvenuto il Lunedì di Pasqua del 966.

Il Dyngus Day negli Stati Uniti

Il Dyngus Day, così viene chiamato negli Stati Uniti, viene celebrato anche nelle città americane dove vivono grandi comunità polacche, ad es. a Buffalo e a Cleveland. Sfilate, band polacche e ovviamente battaglie d’acqua, anche se in scala più piccola, contraddistinguono questa festa. Ed è in America che è nato lo Smigus-Dyngus Casserole, uno stufato di salsicce e crauti, i classici avanzi della domenica.

Chi è Paola Di Marzo

Paola Di Marzo
Nata nel 1989 in Sicilia, ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso la Facoltà "R. Ruffilli" di Forlì. Si è appassionata alla Polonia dopo un soggiorno di studio a Varsavia ma guarda con interesse all'intera area del Visegrád. Per East Journal scrive di argomenti polacchi.

Leggi anche

Il-bambino-nella-neve-PoloniCult

Włodek Goldkorn – Il bambino nella neve

Uscito per Feltrinelli nel 2016, Il bambino nella neve è un libro di Włodek Goldkorn che esula dai generi e li interseca con il valore della testimonianza. Da PoloniCult a firma di Lorenzo Berardi.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com