STORIA: Bar, la cittadina ucraina fondata in onore di Bari

di Claudio Cacace

Nell’Ucraina occidentale, nella regione storica della Podolia, esiste la piccola città di Bar, il cui nome certo non rimanda agli altri toponimi presenti nel resto del territorio ucraino. Questa città infatti, ha una storia davvero particolare che lega la città di Bari al paese dei cosacchi.

La città in origine era un piccolo avamposto commerciale chiamato Row, ma nel 1537 la regina di Polonia e duchessa di Bari, Bona Sforza d’Aragona, durante l’espansione verso est del regno polacco, volle ribattezzare questo piccolo villaggio in onore del suo lontano ducato. Bona Sforza fece acquisire a Bar notevole importanza economica e militare all’interno dei territori orientali. Fu così che venne edificata una fortezza (oggi in rovina) e nel 1540 suo marito il re Sigismondo I, concesse alla città i diritti di Magdeburgo.

La regina italiana è ricordata dai polacchi come la regina del “periodo d’oro” della millenaria storia polacca (nel XVI era il più vasto stato europeo), mentre in Ucraina, proprio in questo periodo storico sorgono  le prime importanti scuole, collegi e università per il tramite del sistema scolastico che i gesuiti impiantarono nella Repubblica nobiliare polacco – lituana (si veda Giuseppe Perri – Umanesimo Ucraino).

Bar continuerà ad avere una certa importanza anche dopo la morte della regina Bona Sforza (avvenuta a Bari nel 1557), per il controllo delle terre orientali, da mantenere sia contro le truppe dei tatari del Khanato di Crimea sia contro i cosacchi che non accettavano il potere dei nobili polacchi (la szlachta). Anche una nutrità comunità ebraica trovò casa a Bar, grazie all’editto di tolleranza di Sigismondo II del 1556, sviluppando fiorenti attività mercantili per tutto il XVI e XVII secolo.

Nel 1648 però, nel pieno della rivolta anti polacca guidata dall’etmano cosacco Bohdan Chmel’nyc’kij, la fortezza fu gravemente danneggiata e la popolazione fuggì dalla città. Successivamente nel 1672 Bar fu conquistata dagli ottomani e divenne sede dell’amministrazione locale fino al 12 novembre 1674, quando dopo 4 giorni di assedio la città fu ripresa dalle truppe (i gloriosi ussari alati) del re Giovanni III Sobieski (colui che nel 1683 libererà Vienna dall’assedio ottomano). La città vide la pace solo dopo il 1699, quando i polacchi la riconquistarono a più riprese.

Nel 1768 i nobili polacchi si allearono e istituirono la confederazione di Bar (Konfedercja Barska) per difendersi sia dall’aggressione da parte dell’impero russo sia contro il re di Polonia e granduca di Lituania Stanislao II Augusto Poniatowski che stava cercando assieme ai riformatori, di indebolire la ricca nobiltà.

Con le spartizioni della Polonia e successivamente con la rivoluzione russa, Bar entrerà sotto la sfera d’influenza di Mosca come la gran parte del territorio ucraino fino al 1991, anno della nascita dell’Ucraina come stato indipendente.

Oggi Bar è una città di 17000 abitanti circa e custodisce all’interno del proprio museo di storia una esposizione dedicata alla regina Bona Sforza. Sullo stemma della città, invece, si distinguono sull’intaglio di una chiave, due lettere latine, sono le iniziali della regina italiana, e sulla parte superiore un nastro che reca la scritta “Nicola” in cirillico. San Nicola, infatti è il santo patrono della città di Bari, ed è venerato da tutte le chiese ucraine, sia da quelle ortodosse che dalla chiesa greco cattolica, inoltre fu proprio nel giorno del santo, in suo onore che il 6 dicembre del 1517 a Napoli furono celebrate le nozze tra Sigismondo I di Polonia e Bona Sforza.

Foto: Wikicommons

 

Chi è redazione

Author Image
East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

Saakashvili

UCRAINA: Arresto, teatro e rilascio di Saakashvili

Saakashvili, accerchiato dalle forze dell'ordine, prima minaccia il suicidio, poi viene arrestato, poi liberato ed infine guida una protesta. Tutto in un giorno.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com