CIPRO: Quali ostacoli sulla strada della riunificazione?

Quello che doveva essere l’anno della svolta per la riunificazione di Cipro rischia di diventare l’ennesimo “anno sabbatico”. Ancora non ci sono i presupposti per il superamento della divisione dell’isola, neppure dopo la nuova serie di colloqui tra i rappresentanti della Repubblica di Cipro e della Repubblica Turca di Cipro del Nord (riconosciuta unilateralmente dalla Turchia). I primi giorni del 2017 hanno confermato la fase di stallo che si trascina dal 1974. Negli ultimi mesi i rappresentanti delle due comunità e delle Nazioni Unite hanno parlato più volte di questi negoziati come di “un’ultima chance”. Ma alle buone intenzioni non sono seguiti i fatti.

Dopo una serie di colloqui bilaterali negli ultimi mesi, il 12 gennaio si è tenuta a Ginevra una conferenza che ha visto la presenza del segretario dell’Onu, Antonio Guterres, del presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, del presidente cipriota Nikos Anastasiades e di quello turco-cipriota Mustafa Akinci, ma anche dei ministri degli Esteri di Grecia (Nikos Kotzias), Turchia (Mevlut Çavusoglu) e Gran Bretagna (Boris Johnson), le tre potenze garanti dell’isola secondo la Costituzione del 1960.

Un appuntamento importante quindi, dove proprio la Turchia ha mostrato le resistenze maggiori. La conferenza si è conclusa con un nulla di fatto, se non la magra consolazione di tenere in vita i colloqui, che sono ripresi il 18 gennaio, seguendo linee più tecniche che politiche. E pensare che nel 2004 il Piano Annan venne bocciato a causa del voto contrario dei greco-ciprioti, mentre i turco-ciprioti si erano espressi favorevolmente al referendum sulla riunificazione dell’isola. Oggi, più che dalla popolazione turco-cipriota, gli ostacoli per una Cipro unita in un unico stato federale arrivano direttamente da Ankara. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdoğan non è disposto a fare sconti su nessun fronte, e l’omologo della comunità di Cipro del Nord, Akinci, si è adeguato alla linea dell’Akp.

La questione più spinosa è quella che riguarda la presenza dei circa 35.000 militari turchi nel Nord dell’isola. È impensabile prevedere uno stato unitario con un contingente così numeroso sul proprio territorio, ma Erdogan ha ribadito che i militari resteranno sull’isola.

Rinunciarvi costituirebbe una perdita di sovranità evidente. La Turchia vuole mantenere armi e caserme su un’isola ancora dipendente dal trattato di garanzia del 1960. La protezione dei cittadini turchi o turco-ciprioti sull’isola resta un punto sul quale Erdogan non è disposto a fare concessioni. Il mantenimento di un esercito costituisce uno strumento efficace per il controllo ordinario sulle abitazioni e sui territori della parte nord dell’isola, che Ankara sostiene dal punto di vista economico.

Sui territori la Turchia ha fatto delle concessioni e sarebbe disposta ad accontentarsi del 29% circa (anziché del 36%), ma qui gli ostacoli sono puramente economici. Chi dovrà occuparsi della ricostruzione o della manutenzione delle case dei turco-ciprioti? A quanto pare ci sono difficoltà ad accordarsi su questo punto.

I timori della Turchia inoltre si sono ingigantiti dopo l’ingresso di Cipro nell’Unione Europea del 2004. Se Nicosia è andata verso Bruxelles, in questi anni Ankara si è allontanata sempre più dal cuore dell’Europa, e teme che gli equilibri politici siano sfavorevoli. Erdogan e Akinci vorrebbero un parlamento equamente rappresentativo di greco-ciprioti e turco-ciprioti, nonché un’alternanza alla presidenza tra rappresentanti delle due comunità. Due punti che stridono con l’effettiva presenza di turco-ciprioti sul territorio, che rappresentano poco più del 20% della popolazione. A queste condizioni, la riunificazione di Cipro sembra ancora lontana.

 

Chi è Lorenzo Lazzerini

Lorenzo Lazzerini
Classe 1988, giornalista pubblicista, laureato in Scienze Politiche e Internazionali all'Università di Pisa con una tesi sul progressivo allontanamento della Turchia dall'area europea. Ha frequentato il Master in Giornalismo Internazionale presso l'Institute for Global Studies di Roma e il Master in Giornalismo dell'Università Iulm di Milano. Lavora presso la cooperativa giornalistica Primo Piano e collabora con East Journal dal luglio 2016.

Leggi anche

Cipro, Saipem 12000: guerra del gas

Cipro: La guerra del gas contro Ankara

Il decennale braccio di ferro tra Cipro e la Turchia si arricchisce di un nuovo capitolo. Altre tensioni si profilano all'orizzonte dopo l'incidente di febbraio, quando la Saipem 12000 di Eni era stata bloccata per oltre due settimane nelle acque cipriote dalla Marina turca.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com