ESTONIA: Come ottenere la residenza digitale in venti minuti


Nell’era di internet, in Estonia (o, potremmo dire, E-stonia), il paese più digitalizzato d’Europa, se non del mondo (dopotutto Skype è stato creato qui), è possibile, ormai da due anni, diventare e-residenti. È sufficiente compilare online un modulo, scannerizzare il passaporto, inviare una fototessera e pagare 100 euro; e il tutto, dicono le autorità, non richiede più di 18 minuti. In tre mesi, dopo un controllo da parte della polizia estone – soprattutto per le questioni di riciclaggio di denaro e affari illeciti – la e-residenza è pronta per il ritiro. Dopo lo scandalo dei Panana Papers e la Brexit, le autorità estoni hanno dichiarato un incremento consistente di richieste di “e-ID”. Ma cosa prevede questa carta d’identità digitale?

La carta d’identità digitale

Ad ogni cittadino estone all’età di 15 anni viene consegnata la carta d’identità digitale: attraverso di essa è possibile avere accesso online, anche dal proprio smartphone, ad oltre 4000 servizi, dalla pubblica amministrazione alle questioni finanziarie (gestire il conto corrente, pagare le tasse e il parcheggio dell’auto, richiedere benifici per sanità e scuola, prenotare visite mediche, etc.). Si avvale di questo supporto il 90% dei cittadini estoni, ed un terzo di essi la usa anche per votare online.

Cosa viene garantito agli e-residenti?

La carta d’identità digitale che viene rilasciata invece ai nuovi e-residenti non è tuttavia un vero documento di cittadinanza; non si concede diritto al voto, né altri dirittti costituzionali. Tuttavia, permette l’accesso a tutti gli altri servizi online. Come riporta il sito istituzionale per la richiesta della e-residenza, il nuovo residente avrà diritto a firmare digitalmente documenti e contratti, aprire la sua impresa in Estonia (senza obbligo di gestirla in loco, potrà farlo anche da remoto dall’estero), aprire e gestire un conto corrente estone (senza doversi recare fisicamente nel paese), dichiarare e pagare le tasse in Estonia (non si elimina però la doppia tassazione, a meno che la gran parte del business non sia portata avanti in territorio estone).

Più della metà di coloro che hanno fatto richiesta per la e-residenza sono stati mossi, evidentemente, da interessi imprenditoriali e commerciali; Taavi Kotka, responsabile del programma, a settembre dichiarava: “Abbiamo aggiunto mille imprese alle 60mila che c’erano – un aumento del 2%, che per noi è importante”.

Target 10 milioni

Entro il 2025 i responsabili del progetto puntano a raggiungere quota 10 milioni; una cifra impensabile per uno stato di 1,3 milioni di abitanti. Ad oggi sono state consegnate circa 15mila e-residenze a cittadini di 136 diversi paesi: primi fra tutti Finlandia (2600), Russia (1259), Stati Uniti (971), Regno Unito (843; è interessante far notare come dalla Brexit il numero sia decuplicato), Ucraina (841), Germania (743) e Italia (738).

Il governo estone crede che questi nuovi residenti digitali possano contribuire all’economia del paese utilizzando le banche estoni ed aprendo nuove imprese. Inoltre, Taavi Kotka, ha affermato: “Fisicamente non siamo in grado di aumentare la nostra popolazione. Perchè non farlo online?”

Chi è Martina Napolitano

Author Image
Dottoranda in Slavistica presso l'Università di Udine e Trieste. I suoi interessi spaziano dall'amata letteratura russa alle dinamiche politiche internazionali, in particolare se legate all'area russa e/o russofona. Tra le esperienze di studio e lavoro all'estero, uno stage negli USA, un Erasmus a Vilnius e una borsa di studio presso l'MGU di Mosca.

Leggi anche

jaanipaev

ESTONIA: La festa pagana che celebra l’inizio dell’estate

Come ogni anno, stasera si celebra la festa di San Giovanni (Jaanipäev) in Estonia. Nonostante il nome cristiano, conserva ancora molti riti di origine pagana e viene festeggiata con una serie di eventi musicali e culturali da non perdere.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com