BULGARIA ELEZIONI: In testa il candidato socialista, ma si andrà al ballottaggio

La Bulgaria ha votato per eleggere il presidente della repubblica e, con circa il 95% delle schede scrutinate, il ballottaggio sembra inevitabile. Il candidato socialista, Rumen Radev, è in testa con il 25,7% dei consensi, seguito a ruota da Tsetska Tsacheva, candidata del partito di governo, con il 22%. Il terzo incomodo, Krasimir Karakachanov, leader di “Patrioti Uniti”, coalizione di partiti ultra-nazionalisti, si ferma al 15%. La sorpresa è stata Veselin Mareshki, uomo d’affari che ha raccolto il 10% dei voti.

Il risultato della Tsacheva preoccupa il partito conservatore al governo, il GERB, che si attendeva una facile vittoria. Il partito, fondato da Boyko Borisov, “padrino” della politica bulgara, domina la scena pubblica del paese da più di un decennio. Le proteste dello scorso anno costrinsero Borisov a dimettersi da primo ministro, ma egli ha continuato a guidare il partito, e il governo, da dietro le quinte. La macchina politica del GERB, capace di una grande penetrazione nella società bulgara, sembrava non dovesse conoscere arresti. La vittoria della Tsacheva doveva servire da traino alle prossime elezioni parlamentari e, in prospettiva, a una candidatura dello stesso Borisov alla presidenza. Il successo di Rumen Radev in questo primo turno, mette in discussione questo piano.

Radev, generale dell’esercito, incarna l’ideale dell’uomo forte e integerrimo. I cittadini bulgari, stanchi della cleptocrazia del GERB, potrebbero decidere di affidare a lui la guida del paese. Ma il ballottaggio, previsto per il 13 novembre prossimo, potrebbe ribaltare la situazione.

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale, e ha scritto per numerose riviste e giornali (Nigrizia, Il Tascabile, il Giornale, Il Reportage). Ha realizzato reportage dai Balcani e dal Caucaso, occupandosi di estremismo islamico e conflitti etnici. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

Persone sfilano per ricordare il genocidio armeno

BULGARIA: Le commemorazioni del 103° anniversario del Genocidio armeno

La comunità armena in Bulgaria ha celebrato nella giornata del 24 aprile le commemorazioni per i 103 anni dall’inizio del genocidio contro il loro popolo.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com