Giornata Mondiale del rifugiato: medici cercasi

Oggi è la Giornata Mondiale del Rifugiato. Abbiamo deciso di non considerarla solo come una ricorrenza, ma un’occasione per dare spazio a chi coi rifugiati ci lavora davvero, specialmente bambini. La settimana scorsa abbiamo raccontato con le immagini la storia di chi sta affrontando tuttora la rotta balcanica, in barba all’accordo UE-Turchia. Oggi servono altri protagonisti per questa storia: i medici.

Una storia, in cui c’è un po’ di Italia in Grecia: personale sanitario volontario che da novembre 2015 si alterna in Grecia con NutriAid, che si è impegnata ad inviare pediatri, ginecologi ed ostetrici ed infermieri nei campi profughi.

medici Molti i medici provenienti da tutta Italia che dall’inizio del progetto hanno prestato la loro professionalità per aiutare i profughi transitanti per la rotta balcanica.

All’inizio si trattava di garantire assistenza medica agli sbarchi a Lesbo, Kos e Chios: centinaia di bambini in arrivo dalle coste turche, sui gommoni, bagnati fradici e terrorizzati, spesso nel buio della notte.

I bambini, per non farli cadere in mare, li fanno sedere al centro del gommone, che però si riempie di acqua durante la traversata. Così restano immersi nell’acqua gelida per due, tre ore. Stessa sorte per le tantissime donne in stato di gravidanza che scelgono di affrontare questo durissimo viaggio, sedute al centro del gommone, tra scossoni ed acqua gelata. Accade poi che con le nuove politiche europee gli sbarchi siano diminuiti in maniera rilevante ed in certi casi cessati, ma l’emergenza non è finita. Anzi, tutti i profughi arrivati nei mesi precedenti sono rimasti bloccati nei campi profughi allestiti in Grecia.

Emergenza Profughi: Servono Medici! NutriAid con Pediatri e Ginecologi in prima linea in Grecia

medici L’emergenza continua: il personale sanitario non è sufficiente a soddisfare il fabbisogno di ciascun campo, così i medici volontari italiani sono stati inviati a Salonicco. Si tratta di visitare 90-100 bambini ogni giorno e centinaia di donne in stato di gravidanza o che hanno da poco partorito.

I bambini aspettano pazienti il loro turno, disegnando e giocando. Potrebbe quasi sembrare un normale ambulatorio di un pediatra di famiglia. Le donne invece chiedono solo un’ecografia, per sapere che il loro bimbo sta bene e la gravidanza procede nel migliore dei modi. Ma gli ecografi sono pochissimi, in certi casi assenti ed ai medici non resta che provare a rassicurare le future mamme con gesti di semplice umana solidarietà.

medici In questo momento 3 medici piemontesi sono attivi in Grecia sul progetto di NutriAid: il pediatra di Alba Nicola Cosenza ed il pediatra torinese Giuseppe Togliatto sull’isola di Lesbo, mentre la ginecologa torinese Annalisa Priolo opera nei campi profughi intorno a Salonicco.

Purtroppo a seguito dello sgombero dei profughi  dalla zona di frontiera con la Macedonia  i profughi sono stati fatti confluire in altri campi, allestiti in fretta per garantire una sistemazione, seppure provvisoria.

In questo contesto di emergenza, con l’obiettivo di alleviare gli effetti della crisi sulle condizioni di salute delle persone e di fornire assistenza medica ai rifugiati, NutriAid ricerca personale sanitario (pediatri/ginecologi/ostetrici ed infermieri) da inviare in missione in Grecia per periodi da 1 a 3 mesi.

Requisiti richiesti per i medici:

  • Laurea in Medicina o Infermieristica Pediatrica, Specialità in Pediatria, Ginecologia o analoghe
  • iscrizione nell’Albo dei Medici del comune di residenza
  • buona conoscenza della lingua inglese
  • preferibile precedente esperienza in missioni umanitarie

Età
Non esistono limiti di età prestabiliti. E’ in ogni caso necessario essere in perfette condizioni di salute ed avere effettuato le necessarie vaccinazioni ove richieste.

Spese di viaggio
NutriAid si occupa direttamente del biglietto aereo, il partner locale dei trasporti interni quando in servizio. Sono escluse le spese sostenute per raggiungere l’aeroporto di partenza. L’alloggiamento ed il vitto è garantito dal partner locale.

Chi è redazione

Author Image
East Journal nasce il 15 marzo 2010, dal 2011 è testata registrata. La redazione è composta da giovani ricercatori e giornalisti, coadiuvati da reporter d'esperienza, storici e accademici. Gli articoli a firma di "redazione" sono pubblicati e curati dalla redazione, scritti a più mani o da collaboratori esterni (in tal caso il nome dell'autore è indicato nel corpo del testo), oppure da autori che hanno scelto l'anonimato.

Leggi anche

ushtaret-shqiptare

GRECIA: Sette soldati detenuti per aver omaggiato l’aquila albanese

Sette soldati greci, di origine albanese, hanno omaggiato l'aquila, simbolo nazionale dell'Albania. La loro foto ha fatto scandalo, inasprendo le già tese relazioni tra Tirana e Atene. Ora i soldati rischiano la corte marziale.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com