GRECIA: Varoufakis pronto a fondare un nuovo partito

E’ ufficiale: Yanis Varoufakis fonderà un nuovo partito. L’ex ministro delle Finanze “più pazzo del mondo”, dimessosi nel luglio 2015 a seguito di forti divergenze con il primo ministro Alexis Tsipras, durante un’intervista rilasciata a “l’Espresso”, ha dichiarato: «A febbraio lancerò il mio movimento paneuropeo con un unico obiettivo, radicale: democratizzare l’Unione Europea. Voglio dimostrare che esiste una terza alternativa a quelli che vogliono tornare nel bozzolo dello Stato nazione e quelli che accettano le politiche autoritarie di queste istituzioni europee anti democratiche».

Durante il suo mandato, Varoufakis si distinse per la fermezza e l’intransigenza con cui portò avanti la trattativa Unione europea-Grecia; molti commentatori dell’epoca sottolinearono come questa sua fermezza fosse un azzardo, da consumato giocatore di poker con in mano niente più che un bluff. Il timore, dunque, di ritrovarsi travolti da eventi catastrofici spinse il premier Tsipras a riprendere il controllo della situazione e firmare un memorandum ben più severo di quello respinto dal referendum tenutosi qualche tempo prima.

La decisione, inevitabilmente, portò alle dimissioni di Varoufakis, il quale scrisse di aver lasciato il suo posto per le pressioni dei suoi interlocutori europei, che non volevano più negoziare con lui. Questa affermazione è stata confermata, qualche giorno fa, da Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, il quale – nel corso di un’intervista – ha dichiarato di aver chiamato, nei giorni delle trattative, direttamente Alexis Tsipras per indurlo a licenziare il ministro delle Finanze greco.

Ad ogni modo, calmate le acque e cambiata la situazione politica in Grecia, Varoufakis è intenzionato a tornare sulla scena politica e realizzare quello che, in Spagna, è riuscito al carismatico leader Pablo Iglesias con il movimento Podemos: dare vita a una formazione politica di sinistra, anti-austerity e libera da alleanze scomode. Se ci riuscirà, sarà solo il tempo a svelarlo.

Chi è Flavio Boffi

Author Image
27 anni, dottorando in Studi Politici a La Sapienza, laureato in Relazioni Internazionali all'Università degli Studi Roma Tre. Collaboro con East Journal da giugno 2014, dopo aver già scritto per The Post Internazionale e Limes.

Leggi anche

ushtaret-shqiptare

GRECIA: Sette soldati detenuti per aver omaggiato l’aquila albanese

Sette soldati greci, di origine albanese, hanno omaggiato l'aquila, simbolo nazionale dell'Albania. La loro foto ha fatto scandalo, inasprendo le già tese relazioni tra Tirana e Atene. Ora i soldati rischiano la corte marziale.

Un commento

  1. Non ha tradito la gente. Il popolo è con lui. La gente è contro il terrorismo e a favore di israele. Unico baluardo democratico in medioriente.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com