CALCIO: Beşiktaş – Fenerbahçe. Derby per la classifica e per la città

Il Galatasaray è la squadra dell’élite ottomana, il Fenerbahçe quella più ricca e sostenuta dai vip, il Beşiktaş è la squadra del popolo. O ancora: il Galatasaray è la squadra degli ebrei, il Fenerbahçe quella dei greci e il Beşiktaş è degli armeni. Luoghi comuni e generalizzazioni sembrano necessari, quasi imprescindibili, se si vuole raccontare il calcio in una città come Istanbul. Tuttavia, dare delle etichette a una realtà sfaccettata come quella dell’universo calcistico della capitale turca risulta spesso inutile, e le definizioni finiscono per diventare stereotipi e macchiette. Di vero c’è che il calcio in Turchia è un problema che vale più di mille soluzioni, come recita un detto locale, e a Istanbul la questione è tanto seria da diventare argomento che influenza la vita degli abitanti a 360°, occupandone ogni ambito.

C’è un episodio specifico che permettere di capire la compenetrazione tra tessuto sociale e calcistico a Istanbul. Quando negli anni ’70 lo stadio Inönü era l’unico agibile, fu necessario il coprifuoco per mettere fine alla guerra tra bande dei tifosi. I sostenitori di ciascuna squadra rinunciavano al sonno pur di accaparrarsi i posti migliori in quell’impianto. Gli scontri, spesso armati, andavano avanti ad oltranza; dormire in casa non era un’opzione praticabile, pena la messa a repentaglio dell’incolumità dei membri della propria famiglia. Il governo turco decise che l’unica soluzione era quella di mettere in piedi un sistema di vigilanza serratissimo, e impedire la libera circolazione nelle strade prima delle 5 di mattino. Queste misure di sicurezza servirono a impedire la guerriglia nelle ore notturne, spostando l’orario degli scontri alle prime luci dell’alba. Da tali scontri uscirono vincitori i sostenitori della squadra bianconera, e i tifosi del Beşiktaş ottennero la possibilità di vedere la propria squadra dai posti migliori dello stadio.

Oltre allo stadio Inönü, l’altro simbolo per il Beşiktaş è senza dubbio il Çarşı, spirito condiviso prima che quartiere, gruppo ultras o partito politico: perché il Çarşı è tutte queste cose contemporaneamente. È un’idea di comunità, inizialmente abitata da marinai e giannizzeri, prima che di territorio. Si traduce e si declina in ciascun ambito della vita della collettività. Le posizioni socialiste della prima ora sono andate via via attenuandosi, e l’idea politica rimasta, ed esibita con orgoglio allo stadio, ha connotazione anarchica. La “A” della parola Çarşı nello striscione è cerchiata, a testimonianza della propria vocazione.

Il Fenerbahçe ha una storia molto diversa da quella del Beşiktaş. L’estrazione sociale dei suoi tifosi è molto diversa, cosi come lo è il modo di percepire e intendere il calcio. Il Fenerbahçe, a differenza del Beşiktaş, è una squadra che vince titoli e si gioca l’egemonia cittadina con il Galatasaray. Tuttavia sarebbe scorretto considerare il Fenerbahçe la Juventus di Turchia, perché nonostante i successi e il riconoscimento internazionale, ha mantenuto intatto il suo rapporto con la comunità di appartenenza a Istanbul. Se il Çarşı è l’espressione del localismo del distretto di Beşiktaş, il Fenerbahçe è l’immagine che tifo turco dà di sé all’estero. Sono numerosissimi i club dedicati al Fener in giro per il mondo, testimonianza dell’attaccamento alla propria squadra dimostrato anche da chi non ne vive la quotidianità. Eppure il Fenerbahçe è salito agli onori della cronaca internazionale nel passato recente per questioni legate a partite truccate che avevano per protagonista il suo presidente, per una aggressione a mano armata a opera dei suoi tifosi ai danni del pullman della squadra dopo una sconfitta, o per le minacce mediatiche a suon di machete verso gli scozzesi del Celtic Glasgow, per “riscaldare” il clima di una trasferta di Europa League. Gesti sporadici e individuali, ancora una volta, che finiscono per macchiare la reputazione di una squadra e una comunità.

Domenica Fenerbahçe e Beşiktaş si affronteranno, e il livello di attenzione sarà massimo. La rivalità tra le due squadre è molto accesa: di solito le due tifoserie non si risparmiano “attenzioni”. La violenza legata al mondo del calcio ha creato più di qualche grattacapo in Turchia, e non accade di rado di assistere a vere e proprie immagini di guerriglia in occasione dei derby cittadini. Come se non bastasse, dopo le prime cinque giornate di Süper Lig Fenerbahçe e Beşiktaş occupano le prime due posizioni della classifica, e non sembrano intenzionate a mollarle. Il Fenerbahçe ha potenziato la squadra con acquisti internazionali di indubbio valore come Nani e Robin van Persie, seppur non ancora in forma brillantissima, e ha nel mirino Mesut Özil. L’intento di primeggiare in patria e affermarsi all’estero non potrebbe essere più chiaro di così.

Foto: Ahyang (Flickr)

Chi è Matteo Marchello

Author Image
Nato a Lecce, vive a Londra. Scrive di calcio per Trappoladelfuorigioco.it ed East Journal.

Leggi anche

Eurobasket

BASKET: Slovenia vince Eurobasket e altri temi dell’Europeo

Eurobasket 2017 si è chiuso con la vittoria della Slovenia in finale contro la Serbia. Per gli Sloveni è la prima medaglia nel basket da quando si presentano come nazione indipendente. L'atto finale ha però regalato anche una polemica sui giocatori USA che giocano per nazionali europee grazie al passaporto.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com