TURCHIA: Diritti delle minoranze, solo una merce di scambio?

Il pacchetto di riforme presentato la settimana scorsa dal governo di Ankara ha anche fornito l’occasione per l’ennesimo contenzioso con il vicino greco. La normalizzazione dei rapporti tra Grecia e Turchia, avviata a fine degli anni ’90 con la cosiddetta diplomazia dei terremoti, è proseguita in modo ambiguo nel corso dell’ultimo quindicennio, continuamente interrotta da piccoli casi diplomatici e reciproche provocazioni. La decisione turca di non includere nel demokrasi paketi la riapertura del seminario greco-ortodosso di Halki ha infatti suscitato una feroce polemica, che dimostra tutta la fragilità del processo di riavvicinamento tra i due paesi.

Zeki Levent Gümrükçü, portavoce del ministero degli esteri turco, ha risposto alle violente critiche mosse dalla controparte, accusando a sua volta Atene del mancato rispetto dei diritti della minoranza turca presente nella Grecia nord-orientale. Secondo Gümrükçü, la situazione dei greci di Istanbul è già ora incomparabilmente migliore di quella dei turchi della Tracia occidentale, a cui è negata perfino la possibilità di dichiarare la propria appartenenza etnica, essendo riconosciuti esclusivamente come minoranza religiosa musulmana. La Turchia si aspetta dunque, per agire in favore della sua popolazione di origine ellenica, una certa reciprocità da parte greca.

Questo concetto era già stato espresso chiaramente nei giorni precedenti dallo stesso Erdoğan: il premier turco sostiene che la riapertura del seminario di Halki non costituisca un problema per il suo governo, ma intende tuttavia legarne l’attuazione ad analoghe concessioni per la minoranza turca in Grecia, in particolare per quanto concerne la facoltà di eleggere autonomamente i propri imam.

Risulta evidente come dal punto di vista del governo turco – benché le argomentazioni espresse da Gümrükçü siano tutt’altro che infondate – la tutela delle minoranze etniche non sia intesa come la realizzazione dei diritti inalienabili dei propri cittadini, ma come un insieme di concessioni negoziabili con il paese confinante.

Foto: ADEM ALTAN/AFP/Getty Images

Chi è Carlo Pallard

Author Image
Laurea magistrale con lode in Scienze storiche presso l'Università degli studi di Torino, con tesi dal titolo "Da impero a nazione. Ziya Gökalp e la nascita della Turchia moderna". È autore, assieme a Matteo Bergamaschi, del volume Dire io. Sulla questione identitaria del mondo post-moderno, Aracne editrice, Roma 2012. Parla turco, inglese e azero. E' nato a Torino nel 1988.

Leggi anche

C_4_articolo_2094516_upiImagepp

GRECIA: Niente taglio del debito. Un’altra presa in giro

Nessuna riduzione per il debito greco malgrado le promesse europee. La contrarietà di Berlino ha fatto slittare tutto al prossimo 15 giugno. Per la Grecia è l'ennesima presa in giro.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com