CROAZIA: Apre a Fiume “la più bella moschea d’Europa”

Più di 20.000 persone hanno assistito sabato all’inaugurazione della moschea di Fiume, la terza della Croazia e “la più bella d’Europa”. La moschea accoglierà 12.000 fedeli musulmani dei dintorni di Fiume. Molte le autorità politiche e religiose presenti.

Più di 20.000 persone si sono riunite sabato 4 maggio a Fiume per l’inaugurazione della terza moschea della Croazia, dopo quelle di Zagabria e di Gunja.

Molte le autorità politiche e religiose presenti, tra cui il presidente croato Ivo Josipovic, il membro bosgnacco della presidenza (tripartita, ndr) della Bosnia Erzegovina, Bakir Izetbegovic, il reis-ul-ulema (leader spirituale della comunità islamica, ndr) di Bosnia Husein Kavazovic, il mufti della Croazia, Aziz Hasanovic, assieme a monsignor Enzo Rodinis, segretario generale della conferenza dei vescovi di Croazia.

Il principale donatore, l’emiro del Qatar, lo sceicco Hamad Bin Khalifa Al-Thani era rappresentato dal ministro dei beni religiosi e degli affari islamici della monarchia del Golfo. Alla cerimonia hanno assistito anche alcuni rappresentanti dell’Unione Europea e della Turchia.

La moschea di Fiume viene già considerata “la più bella d’Europa” per la sua architettura innovativa. È stata progettata dallo scultore Dusan Dzamonja (1928-2009) e dagli architetti Darko Vlahovic e Branko Vucinovic.

Con il suo minareto alto 23 metri e il centro islamico che ospita al suo interno, la moschea potrà ora accogliere i fedeli di Fiume e della regione all’interno dei suoi 5.300 metri quadrati. La prima pietra era stata posata il 3 ottobre 2009.

L’apertura della moschea ha un forte significato in Croazia: si tratta della prima moschea costruita sulla costa adriatica dopo il ritiro dell’Impero ottomano da queste terre. Fiume conta circa 10.000 musulmani emigrati dall’ex Jugoslavia.

“È un giorno storico per Fiume e per tutta la Croazia, un paese democratico, multiculturale e multietnico. È un esempio da seguire per affrontare le questioni legate all’Islam, ma è anche un esempio per i paesi musulmani nei confronti dei cristiani” ha precisato Husein Kavazovic, mufti della Croazia.

*Articolo apparso su Index.hr, traduzione di Lejla Sadovic per “Le Courrier des Balkans” e di Chiara Milan per EastJournal

Foto: Ivan Ri, Skyscrapercity

Chi è Chiara Milan

Chiara Milan
Assegnista di ricerca presso la Scuola Normale Superiore, dottorato in Scienze politiche e sociali presso l'Istituto Universitario Europeo di Fiesole (Firenze). Si occupa di ricerca sulla società civile e i movimenti sociali nell'Est Europa, e di rifugiati lunga la rotta balcanica.

Leggi anche

LETTERARIA: Colloqui con Predrag Matvejevic nel nuovo libro di Tommaso Di Francesco

Vittorio Filippi ci presenta il nuovo libro di Tommaso Di Francesco, una raccolta di colloqui con lo scrittore jugoslavo Predrag Matvejevic.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com