GEORGIA: Nuove tensioni in Abkhazia e Ossezia

di Matteo Zola

Sono passati due anni dal conflitto che oppose Tblisi a Mosca, e certo non sono stati due anni tranquilli nel Caucaso meridionale. Oggi però la tensione sale nuovamente a livelli di allarme. Alexander Zelin,  comandante delle forze russe stanziate nelle due ex-repubbliche separatiste -oggi riconosciute indipendenti dal Cremlino, ma solo dal Cremlino- ha dichiarato che la Russia ha dispiegato sistemi missilistici S-300 in Abkhazia e si appresta a farlo anche in Ossezia. Si tratta di missili terra-aria, come quelli che a inizio agosto la Russia vendette alla Bielorussia, e la Bielorussia all’Iran, in modo che Teheran potesse difendere i suoi impianti nucleari. Ma questa è unaltra storia.

Per Tbilisi la scelta russa è “preoccupante” non solo per la Georgia ma anche per la Nato. “L’iniziativa di Mosca – ha ha commentato il vicepremier georgiano Temur Iakobashvili – cambia i rapporti di forza nella regione. E’ evidente che la Russia utilizza questi territori occupati come piattaforma militare per progetti più ampi di quelli che puntano  alla Georgia”. Sì, è evidente che la Georgia -lasciata sola dagli americani- è un ghiotto boccone per Mosca.

Ma è davvero così sola? Nel giugno scorso il segretario di stato americano Hillary Clinton, nel suo viaggio nell’Europa centro-orientale, non mancò di far tappa in Georgia. Qui confermò il suo appoggio al presidente Saakashvili, ma gli accordi inerenti alla difesa del Paese caucasico restano materia oscura. Si sa soltanto che, dopo la visita della Clinton in Georgia, il presidente russo Dmitri Medvedev si recò in visita in Abkhazia. A buon intenditor, poche parole.

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso, EastWest, il Giornale e il Dolomiti. E' stato redattore a Narcomafie, mensile su mafia e crimine organizzato internazionale. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015. Ha un master in Giornalismo, e una laurea magistrale in Lettere.

Leggi anche

cosmo

Il cosmonauta e la via alla sopravvivenza. Una mostra collettiva a Tbilisi

Se il sistema attuale collassasse come è avvenuto con l'Unione Sovietica, di quali "competenze" avremmo bisogno per sopravvivere? Attorno a questa domanda dai toni apocalittici si costruisce la mostra collettiva Illegal Kosmonavtika che aprirà le porte il 24 giugno a Tiblisi.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com