ELEZIONI GRECIA /1 – Andranno perdute due generazioni

di Matteo Zola

Cominciamo questa breve serie di appuntamenti sulle elezioni greche, che si svolgeranno il 6 maggio prossimo, diversamente dal solito. Prima di presentare partiti e candidati, programmi e sondaggi, partiamo da un dato concreto. La disoccupazione in Grecia a gennaio ha toccato il tasso record del 21.8% mentre la percentuale di disoccupati fra i giovani con meno di 25 anni ha raggiunto il 48%, ovvero un giovane greco su due non ha lavoro. In questo contesto l’emigrazione giovanile è inevitabile.

Seppure in scala minore rispetto alle grandi migrazioni dei primi anni ’50 e degli anni ’60 causate dalla guerra e dalla povertà, la Grecia – ormai nel quinto anno di recessione – torna ad assistere alla diaspora di migliaia di suoi giovani in cerca di fortuna. Una recente ricerca condotta dall’Università di Salonicco ha infatti dimostrato che la grande maggioranza degli emigranti e degli aspiranti tali appartiene alle generazioni più giovani, interessate a Paesi come Australia, Russia, Cina e Iran. Fuori dall’Europa dunque. Almeno in questo la Grecia lo è già, drammaticamente.

Lasciare il proprio Paese, i propri affetti, i legami fisici e metafisici con luoghi e persone, non è certo cosa facile. E’ scelta disperata, non una vacanza. Da un altro sondaggio condotto per conto dell’Università Panteion di Atene risulta che sette giovani greci su dieci vorrebbero lasciare il Paese devastato dalla crisi, ma meno di uno su cinque ha intrapreso qualche passo per partire davvero. Questo stato di dubbio, di attesa, non potrà durare a lungo. Stando così le cose e con la prospettiva di una ripresa economica che arriverà forse fra dieci anni, è facile prevedere che la fuga di giovani aumenterà.

La nuova diaspora coinvolgerà i greci più giovani e meglio istruiti, coloro che parlano più di una lingua ma che non ce la fanno più a sopravvivere in un Paese con l’economia ormai in caduta libera. Ma ciò che è più drammatico e che, secondo le previsioni, con la crisi economica in Grecia andranno perdute due generazioni. Di questo il nuovo esecutivo che uscirà dalle urne dovrà tener conto. E’ la gente che fa la ricchezza di un Paese, non le speculazioni finanziarie. Se vanno via i giovani, la Grecia è morta.

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista e professore di lettere, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e EastWest. E' stato redattore a Narcomafie, mensile di mafia e crimine organizzato internazionale. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015.

Leggi anche

C_4_articolo_2094516_upiImagepp

GRECIA: Niente taglio del debito. Un’altra presa in giro

Nessuna riduzione per il debito greco malgrado le promesse europee. La contrarietà di Berlino ha fatto slittare tutto al prossimo 15 giugno. Per la Grecia è l'ennesima presa in giro.

2 commenti

  1. Dany

    Secondo un articolo pubblicato su lavoce.info (http://www.lavoce.info/articoli/pagina1003049.html) i grevi vanno anche in Turchia e Albania. Il che, personalmente, mi sconvolge.
    ..almeno quanto mi ha sconvolto sapere che i portoghesi emigrano verso Brasile ed Angola…

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com