UNGHERIA: Gli "indignados" ungheresi in marcia verso Budapest

di Claudia Leporatti

Lunedì mattina un corteo di “indignati” ungheresi si è messo in marcia verso Budapest dalla città di Miskolc, con l’obiettivo di attirare l’attenzione sulla regione in cui vivono, interessata da un forte aumento della disoccupazione, dei tagli salariali e dal calo delle possibilità economiche. A supportare l’iniziativa della contea di Borsod il partito socialista magiaro, MSzP, la principale forza di opposizione al governo conservatore di Orbán. L’arrivo dei manifestanti, che cammineranno per otto giorni, è in programma per l’apertura della sessione primaverile del parlamento ungherese. Il segretario di stato per i governi locali András Tállai ha atteso martedì i manifestanti nella località di Mezőkövesd, offrendo cibo a coloro che hanno accettato di spalare la neve. Secondo la stampa ungherese, alcuni dei partecipanti alla marcia si sono messi a lavoro spalando parte della neve che in questi giorni sta ricoprendo il Paese, colpito da un febbraio particolarmente rigido. Nello stesso luogo, due politici del partito verde Lmp si sono uniti all’iniziativa per circa 12 km.

Chi è Claudia Leporatti

Author Image
Giornalista, è direttore responsabile del giornale online Economia.hu, il principale magazine in italiano sull'economia ungherese e i rapporti Ungheria-Italia, edito da ITL Group. Parla inglese e ungherese, ma resta una persona molto difficile da capire. Scrive racconti e sta lavorando al suo primo romanzo. Nata a Bagno a Ripoli (Firenze) senza alcuna ragione, vive a Budapest, per lo stesso motivo.

Leggi anche

trump2

UNGHERIA: Trump chiama Orbán

Orbán e Trump hanno avuto nei giorni scorsi una lunga conversazione telefonica volta a confermare come tra i due ci sia grande stima e fiducia reciproca. Tra Washington e Budapest è iniziato un nuovo corso dopo l'ostilità vissuta con l'amministrazione Obama.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com