UNGHERIA: Budapest si dimezza il Parlamento

 

Il Parlamento ungherese ha passato con larga maggioranza la proposta per la riduzione del numero dei deputati da 386 a 200. Il nuovo partito di maggioranza FIDESZ (centro-destra), insieme all’estrema destra di Jobbik e a buona parte dei membri del partito socialista MSzP ha approvato giovedì sera la proposta

di emendamento alla Costituzione per tagliare il numero dei deputati in Parlamento, passando da 386 a 200 membri. L’emendamento include anche la creazione del posto di Vice Primo Ministro e diventerà attivo dal 2014, quando il Parlamento ungherese comincerà a lavorare con 200 membri. I socialisti di MSzP hanno votato a favore delle modifiche, nonostante le loro proposte di emendamento siano state rifiutate.

Al vaglio adesso due proposte per intervenire sulla legge elettorale, la prima inoltrata da FIDESZ e la seconda da MSzP. FIDESZ vorrebbe adattare la legge elettorale ad un Parlamento di dimensioni minori, mentre l’opposizione vorrebbe modificare l’intero sistema elettorale.

Fonte: Economia.hu

Chi è Claudia Leporatti

Claudia Leporatti
Giornalista, è direttore responsabile del giornale online Economia.hu, il principale magazine in italiano sull'economia ungherese e i rapporti Ungheria-Italia, edito da ITL Group. Offre tour guidati di Budapest in italiano e inglese. Parla inglese e ungherese, ma resta una persona molto difficile da capire. Scrive racconti e sta lavorando (o pensando) al suo primo romanzo. Nata a Bagno a Ripoli (Firenze) senza alcuna ragione, vive a Budapest, per lo stesso motivo.

Leggi anche

STORIA: Di Vittorio e la rivolta ungherese, una sfida al PCI

Durante la rivolta ungherese del 1956 i vertici del PCI sostennero le scelte politiche e militari dell'Unione Sovietica. Eppure, tra le fila del comunismo nostrano, ci fu chi vide nell'ottobre ungherese un’opportunità di riscatto per il movimento socialista internazionale.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com