GRECIA: L'opposizione contro al referendum chiede elezioni anticipate

Antonis Samaras, leader dell’opposizione Nea Dimocratia, si è detto deciso ”ad evitare ad ogni costo” il referendum annunciato ieri sera dal premier Papandreou. Un referendum, da tenersi nelle prossime settimane, sul piano salva Grecia (per i dettagli, vedi qui). Antonis Samaras, alla fine di un incontro avuto stamani con il presidente della Repubblica, Karolos Papoulias, ha invocato elezioni anticipate.

”Papandreou – ha detto fra l’altro Samaras, visibilmente irritato – ha posto un dilemma che può dividere il Paese, un dilemma che mette in pericolo la prospettiva europea della Grecia. Ho spiegato al presidente della Repubblica – ha aggiunto -, che Nea Dimocratia è decisa ad evitare ad ogni costo gli esperimenti”’.

Nelle intenzioni di Samaras potrebbe esservi – secondo quanto scrivono i giornali – anche la richiesta di dimissioni a tutti i deputati del suo partito per ottenere lo scioglimento del Parlamento e il ricorso alle elezioni anticipate.

Il Psok, partito di maggioranza guidato dal premier Papandreu, aveva invitato le opposizioni a partecipare a un esecutivo allargato, proposta più volte rifiutata.

Fonte Ansa

Chi è Matteo Zola

Matteo Zola
Giornalista professionista, classe 1981, è direttore responsabile del quotidiano online East Journal. Collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso, EastWest, il Giornale e il Dolomiti. E' stato redattore a Narcomafie, mensile su mafia e crimine organizzato internazionale. E' autore di "Congo, maschere per una guerra", Quintadicopertina editore, Genova, 2015; e di "Revolyutsiya - La crisi ucraina da Maidan alla guerra civile" (curatela) Quintadicopertina editore, Genova, 2015. Ha un master in Giornalismo, e una laurea magistrale in Lettere.

Leggi anche

greece

GRECIA: Ancora misure di austerità, ma l’UE promette una riduzione del debito

Dopo sei mesi di trattative, la Grecia accetta nuove misure di austerità con la promessa di una revisione del debito pubblico. Ma la promessa sembra quella di un marinaio: l'UE continua sulla via di un'austerità che sembra ormai punitiva, oltre che inutile. D'altronde "debito", nelle lingue germaniche, è sinonimo di "colpa". E i colpevoli vanno puniti a colpi di tagli e liberalizzazioni.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com